Online il nuovo bando MAECI-MIUR-FCRUI 2018 per tirocini all’estero

Online il nuovo bando MAECI-MIUR-FCRUI 2018 per tirocini all’estero

Vi piacerebbe svolgere un’esperienza formativa presso ambasciate, consolati, rappresentanze permanenti e Istituti di Cultura d’Italia all’estero? C’è tempo fino al 9 febbraio 2018 per candidarsi alla selezione indetta per ben 353 tirocini curriculari presso le sedi all’estero del MAECI (Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale).

Il bando è frutto della collaborazione fra quest’ultimo ed il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e le Università Italiane, attraverso il supporto organizzativo della Fondazione CRUI.

Possono candidarsi gli studenti di tutte le Università italiane aderenti alla Convenzione che risultino iscritti ad uno dei corsi di laurea successivamente indicati.

I tirocinanti saranno impegnati nella realizzazione di ricerche, studi, analisi ed elaborazione di dati utili all’approfondimento dei dossier trattati da ciascuna sede. Gli studenti potranno essere anche coinvolti nell’organizzazione di eventi ed assistere il personale del MAECI nelle attività di proiezione esterna.

Il periodo di svolgimento del tirocinio è di 3 mesi, con possibilità di proroga per un ulteriore mese, e vedrà impegnati i ragazzi all’estero dal 2 maggio al 2 agosto.

Sono 155 i posti disponibili in Europa, 53 in Asia, 46 in America del Nord, 42 al Centro e Sud America, 30 in Africa, 13 in Medio Oriente, 10 in Oceania, 4 in Italia.

Rispettivamente 162 studenti saranno ospitati nelle ambasciate. Seguono 91 posti disponibili nei consolati, 60 negli istituti di cultura, 39 nelle rappresentanze diplomatiche.

Il tirocinio darà diritto ad un rimborso mensile di 300€ e al riconoscimento di 1 CFU per ogni mese di attività.

Le candidature possono essere inviate esclusivamente per via telematica collegandosi al seguente indirizzo: http://www.crui.it/tirocini/tirociniwa entro il 9 febbraio 2018, ore 17:00.

Per maggiori informazioni vi consigliamo di consultare i seguenti documenti:

30/01/2018 / by / in ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *